mercoledì 1 febbraio 2012

la "dieta del sondino", si o no?

immagine tratta da www.panorama.it
La moda non si applica solamente ai vestiti o al taglio di capelli, purtroppo riesce ad influenzare aspetti della nostra vita dove la razionalità dovrebbe essere padrona indiscussa.
Si, parlo delle diete.  Ogni anno, anzi, ogni primavera esce almeno una nuova moda dietetica.  Quest’anno a dire il vero hanno spopolato due “mode”, la “dieta del sondino” e la “dieta Dukan”, ma per questa volta mi limito ad un commento sulla prima delle due.

Innanzitutto, cos’è la “dieta del sondino” o TENPO (Terapia Entero Nutrizionale Proteica per l’Obesità)?  Come dice la definizione ufficiale, è innanzitutto una terapia diretta al trattamento dell'obesità, cioè può essere adatta per quelle persone che devono perdere almeno 20Kg.

E’ un sistema a dir poco drasticoSi infila nel naso un sondino che va a raggiungere lo stomaco.  Il tubicino è attaccato all’altra estremità ad una sacca contenente un mix di aminoacidi, sali minerali e vitamine, che viene infuso in continuo grazie ad una piccola pompa.  Il paziente può bere liquidi (senza zucchero!) a piacere ma non deve mangiare nulla.  Dopo 24-72h si instaura la cosiddetta chetosi, che inibisce la fame e facilita l’utilizzo dei grassi di riserva.  In 10 giorni è possibile perdere (dicono) dal 6 al 10% del proprio peso.   Alla fine di questo ciclo si passa ad altro tipo di dieta, ma il trattamento si può ripetere nel caso dei grandi obesi.
Inizialmente questa terapia si faceva solamente in ospedale, sotto continuo e rigoroso controllo medico, ma poi il tutto è diventato di moda, si può andare in ambulatorio, farsi infilare il sondino e poi andarsene liberamente a spasso, con sacca e tutto, per i successivi 10 giorni.  Sui siti che la pubblicizzano il sondino viene definito “discreto”, le immagini ritraggono giovani donne attraenti e sorridenti, par niente! Non pare quindi nemmeno necessario interrompere le proprie normali attività … in fondo si tratta di una cosa “di moda” quindi accettabile, no?

Secondo me, no.  Mi permetto di fare due considerazioni.
Il sondino naso-gastrico salva la vita a malati gravi, che non si possono alimentare in altro modo.  Non è affatto divertente, fate un giro in ospedale, magari nel reparto oncologico, e chiedete un po’ ai pazienti. O leggete come funziona su un sito solo medico, ad esempio.  Ricordo che il sondino è stato utilizzato per mantenere in vita ad esempio Eluana Englaro, e il precedente Papa, nella loro fase terminale.... Personalmente non mi sottoporrei a questa “tortura” solo per la linea.
Secondo, dopo 10 giorni di dieta liquida sicuramente sarà diminuito il senso dell’appetito, ma la voglia di mangiare qualcosa di “vero” e di buono, secondo me, è alle stelle, non credo sia facile da controllare.  E chi deve smaltire un certo numero di Kg non è certamente campione mondiale del controllo, vero?

La scienza medica mette oggi a disposizione dei professionisti della salute numerosi strumenti ed opzioni per la riduzione del peso, dalla dieta ipocalorica classica, alla dieta zona (e similari), alla dieta proteica. Quest’ultima è sicuramente una scelta meno drastica della TENPO, si basa sullo stesso principio (l’induzione della chetosi) ma non in modo cosi "dramamtico".  Inoltre chi la segue deve imparare a mangiare correttamente, il consumo di verdura, ad esempio, è parte integrante della terapia. Questo aiuta davvero a cambiare, e consente di non riprendere alla fine le vecchie abitudini, ed i vecchi Kg.
La dieta proteica è efficace, semplice da seguire, ma non facile, nel senso che è una strategia impegnativa. Proprio per questo, prima di decidere “che dieta” seguire, è importante un aperto, sereno ed approfondito colloquio con il professionista di vostra fiducia.
Ancora una volta, sconsiglio il fai-da-te!

2 commenti:

DreamGirl ha detto...

Ecco la mia esperienza, devo ancora finire il processo.

http://alcunipensieriquaela.blogspot.it/

pragrelliebasta ha detto...

Abbiamo il piacere di segnalare e invitare tutti i biologi e nutrizionisti alla I edizione di questo interessante corso di aggiornamento pratico-teorico che si svolgerà a Napoli il 7 e 8 giugno 2013, e il 21 e 22 giugno 2013. Il corso intende formare figure professionali altamente competenti fornendo strumenti conoscitivi ed operativi che consentano di programmare ed elaborare diete calibrate per le differenti attività sportive, fasce di età e condizioni fisiologiche di base. Cliccate sul seguente link per tutte le informazioni su programma e scadenze: http://www.comunedipartenope.it/content/tags/nutrizionisti/corso-di-aggiornamento-teorico-pratico-lalimentazione-lesercizio-fisico-e

Posta un commento

Template e Layout by Blografando2010 Distribuito da Adelebox